Dal mare alla montagna, nello stesso giorno!

Dal mare alla montagna, nello stesso giorno

Se vi dicessi che la mattina potreste fare una passeggiata in montagna e il pomeriggio un bagno al mare, mi prendereste sul serio? Difficile pensarlo, due paesaggi contrapposti, eppure in Abruzzo così vicini tanto da darvi questa possibilità. Un itinerario molto suggestivo, per gli amanti del trekking d’alta quota, dove ammirerete panorami mozzafiato che resteranno impressi a lungo nella vostra mente e nel vostro cuore.

Bisogna partire presto, quindi la sera precedente cercate di non andare a dormire molto tardi. Inoltre, per una volta, non farete colazione in hotel ma, nella giornata precedente, avrete acquistato qualcosa per la colazione (consiglio yogurt con cereali e pane con marmellata o cioccolata o, se preferite, anche prosciutto) e avrete chiesto all’hotel di prepararvi un panino e un po’ di frutta che porterete come snack.

Alle 7 cercate di partire – ricordate molta acqua, almeno 2 litri a persona, scarpe da trekking, cappello e crema solare, una maglietta, un pantalone leggero lungo o corto, un pile, un antivento e un k-way e, se li avete, i bastoncini – per riuscire a stare alle 8.30 a Fonte Vetica.

Prendete la statale 150 verso Basciano, poi l’A24 e uscite ad Assergi. Qui percorrete la strada verso Campo Imperatore, proseguite sulla strada statale 17 bis ma, invece di girare al bivio per Campo Imperatore, proseguite dritto e la strada vi porterà a Fonte Vetica, la partenza della vostra escursione di oggi.

L’obiettivo è raggiungere la vetta del Monte Camicia, quota 2.564 metri, la quinta più alta della catena del Gran Sasso e una delle più suggestive. Il percorso per la cima è breve, circa 5 chilometri, ma il dislivello è notevole (quasi 1000 metri!). Il sentiero è semplice, segnato (anche se consiglio sempre di portare con voi una cartina), ma duro, quindi è necessario un minimo di allenamento. Si snoda lungo il vallone di Vradda e di buon passo, in circa 2 ore e mezza, sarete in vetta.



Lo spettacolo è unico: dalla cima la vista spazia da una parte sull’intera provincia di Teramo e di Pescara e il mar Adriatico in lontananza, dall’altra verso ovest si può osservare Campo Imperatore e altre cime del Gran Sasso nella sua parte meridionale, il Corno Grande, la Maiella e il Sirente-Velino. Sicuramente riuscirete a vedere anche alcuni camosci. Sulla via del ritorno (percorso ad anello) troverete le meravigliose balconate, affacci vertiginosi sul versante teramano, e il Monte Tremoggia (quota 2.350 metri) dal quale potrete ammirare il famoso “Dente del lupo”.



Al bivio di Fonte Fredda tornerete al punto di partenza, Fonte Vetica. L’escursione durerà 5 ore e mezza più o meno. Sarete molto stanchi e, prima di tornare al mare, vi consiglio una sosta al ristorante “Mucciante”, lì vicino, dove ci sono ad aspettarvi diverse fornacelle sulle quali cucinare gli arrosticini che potrete acquistare al ristorante, e magari accompagnarli con una bella birretta. Per il ritorno vi consiglio di fare un’altra strada, con più curve ma decisamente più bella. Seguite le indicazioni per Castel del Monte, per poi girare al primo bivio a sinistra sulla strada provinciale 37 verso Rigopiano: passerete dentro un bellissimo bosco, poi girerete al bivio sulla sinistra che vi condurrà al borgo di Castelli e, da qui, tornerete sulla spiaggia, per un bel tuffo in mare.

Visto, in una giornata un camminata in montagna e un bagno al mare: solo qui, solo in Abruzzo!

Luca Venanzi


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


Verifica la disponibilitàPrenota Online